Un emendamento passato in Commissione Bilancio della Camera ha eliminato il rischio slittamento della pensione per i donatori di sangue, paventato nei mesi scorsi a causa di una serie di norme contenute nella riforma Fornero.
Il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, era già sceso in campo sottolineando che i donatori sono persone “meritevoli di una particolare attenzione proprio al valore sociale che caratterizza la loro attività”. A queste parole è seguito un emendamento parlamentare che ha incluso, tra le prestazioni effettive di lavoro, anche i periodi di astensione obbligatoria derivante dalla donazione del sangue e di emocomponenti.
«Abbiamo accolto con soddisfazione l’eliminazione di un'anomalia che avrebbe causato grande ingiustizia sociale, colpendo tante persone che compiono un atto di alto valore morale e solidale e che colmano a volte l’assenza di servizi pubblici, risultando di enorme valore per la collettività», ha sottolineato Nicola Todisco, presidente dell’Avis Regionale di Basilicata.

 
 
 
 

Avis Regionale Basilicata - Via Giovanni XXIII, 59 - 85100 Potenza - C.F. 96015440769 - Tel. 0971.442991
Realizzazione 3techweb